Capitolo 2: Installare GoHugo

Nel seguente capitolo capiremo come installare GoHugo e iniziare a configurare il sito web.

Installazione su Unix

Per impostazione predefinita, l’ultima versione di Hugo non è disponibile nel repository predefinito di Ubuntu 18.04. Quindi, dovrai scaricarlo dal repository GitHub. Puoi scaricarlo con il seguente comando:

wget https://github.com/gohugoio/hugo/releases/download/x.y.z/hugo_x.y.z_Linux-64bit.deb

Per recuperare il link, fate riferimento alla pagina dei rilasci. Verifica di scaricare il pacchetto con l’architettura corretta.

Una volta completato il download, installa Hugo con il seguente comando:

dpkg -i hugo_x.y.z_Linux-64bit.deb

Successivamente, puoi controllare la versione di Hugo con il seguente comando:

hugo version

dovresti ottenere il seguente output:

Hugo Static Site Generator v0.x.y.z linux/amd64 BuildDate: ...

Installazione su Mac

Esistono tre modi per installare Hugo sul tuo computer Mac: l' brewutilità, dalla distribuzione o dalla fonte. Non esiste un modo “migliore” per farlo. Dovresti usare il metodo che funziona meglio per il tuo caso d’uso.

Ci sono pro e contro per ciascuno.

  1. Brew è il task più semplice e minimo da mantenere. Il pacchetto predefinito sarà il rilascio più recente, quindi non avrà correzioni di bug fino al rilascio successivo (a meno che non lo installi con l’opzione --HEAD). Il rilascio brewpotrebbe essere ritardato di qualche giorno perché deve essere coordinato con un’altra squadra. Tuttavia, consiglierei brewse si desidera lavorare da una fonte stabile e ampiamente utilizzata. Funziona bene ed è davvero facile da aggiornare.

  2. Anche scaricare il tarball e installarlo è facile. Devi avere qualche abilità in più da riga di comando. Anche gli aggiornamenti sono facili. Devi solo ripetere il processo con il nuovo binario. Questo ti dà la flessibilità di avere più versioni sul tuo computer. Se non vuoi usare brew, allora il binario è una buona scelta.

  3. La compilazione dal sorgente è la parte più impegnativa. Il vantaggio è che non devi aspettare un rilascio per aggiungere funzionalità o correzioni di bug. Lo svantaggio è che è necessario dedicare più tempo alla gestione dell’installazione. Non è molto, ma è più che con le altre due opzioni.

Dato che questo è un “principiante” how-to, tratterò le prime due opzioni in dettaglio e esaminerò la terza più rapidamente.

Brew (per esperti)

Il primo passo è installare brew se non lo si è ancora fatto. È consigliabile seguire le istruzioni sul sito web brew.sh:

/bin/bash -c "$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/HEAD/install.sh)"

Quindi, installa Hugo usando Homebrew eseguendo:

brew install hugo

(Nota: sostituisci brew install hugocon brew install hugo –HEAD se desideri l’ultima versione assoluta in fase di sviluppo, ma attenzione: potrebbero esserci dei bug!)

Brewdovrebbe aver aggiornato il percorso per includere Hugo. Conferma aprendo una nuova finestra di terminale ed eseguendo alcuni comandi:

$ hugo version
Hugo Static Site Generator v0.x.y.z BuildDate: ...

Pacchetto Tarball

Quando installi dal tarball, devi decidere se installare il binario nella /usr/local/bino nella tua directory home. Ci sono tre campi su questo:

  1. Installalo ne /usr/local/bin in modo che tutti gli utenti del tuo sistema possano accedervi. Questa è una buona idea perché è un posto abbastanza standard per gli eseguibili. Lo svantaggio è che potresti aver bisogno di privilegi elevati per inserire il software in quella posizione. Inoltre, se ci sono più utenti sul tuo sistema, eseguiranno tutti la stessa versione. A volte questo può essere un problema se vuoi provare una nuova versione.

  2. Installalo ne ~/bin in modo che solo tu possa eseguirlo. Questa è una buona idea perché è facile da eseguire, facile da mantenere e non richiede privilegi elevati. Il rovescio della medaglia è che solo tu puoi eseguire Hugo. Se ci sono altri utenti sul tuo sito, devono mantenere le proprie copie. Ciò può portare a persone che eseguono versioni diverse. ovviamente, questo rende più facile sperimentare versioni diverse.

  3. Installalo nella tua directory per il sito. Questa non è una cattiva idea se hai un solo sito che stai costruendo. Mantiene ogni cosa in un unico posto. Se vuoi provare nuove versioni, puoi semplicemente fare una copia dell’intero sito, aggiornare l’eseguibile Hugo e averlo.

Tutte e tre le posizioni funzioneranno per te. Ho intenzione di documentare la seconda opzione, soprattutto perché sono a mio agio con essa.

Scaricare il Tarball

  1. Apri la pagina dei rilasci della repository di GoHugo.

  2. Trova la versione corrente scorrendo verso il basso e cercando il tag verde che dice “Ultima versione”.

  3. Scarica il tarball corrente per Mac. Il nome sarà qualcosa come hugo_X.Y_osx-64bit.tgz, dove X.Y è il numero di rilascio.

  4. Per impostazione predefinita, il tarball verrà salvato nella cartella ~/Downloads. Se hai scelto di utilizzare una posizione diversa, dovrai modificarla nei passaggi seguenti.

Verificare il Tarball

Verifica che il tarball non sia stato danneggiato durante il download utilizzando sha256sum da terminale. Gli hash tra il sito web e quelli in locale devono combaciare (il file da scaricare per controllare gli hashes si chiama hugo_x.y.z_checksums.txt).

Installare il binario

$ # create the directory if needed
$ mkdir -p \~/bin

$ # make it the working directory
$ cd \~/bin

$ # extract the tarball
$ tar -xvzf \~/Downloads/hugo_X.Y_osx-64bit.tgz
Archive:  hugo_X.Y_osx-64bit.tgz

$ # verify that it runs
$ ./hugo version
Hugo Static Site Generator v0.13 BuildDate: 2015-02-22T04:02:30-06:00

Potrebbe essere necessario aggiungere la directory bin alla variabile PATH. Per sapere se hugo è stato installato, which hugo è il comando ideale. Se riesce a trovare hugo, stamperà il percorso completo. In caso contrario, non stamperà nulla.

$ # check if hugo is in the path
$ which hugo
/Users/USERNAME/bin/hugo

Se hugo non è nel tuo PATH, aggiungilo aggiornando il tuo ~/.bash_profilefile. Innanzitutto, avvia un editor:

$ nano ~/.bash_profile

Aggiungi una riga per aggiornare la tua variabile PATH:

export PATH=$PATH:$HOME/bin

Quindi salva il file premendo Control-X, quindi Y per salvare il file e tornare al prompt.

Compilare il sorgente

Se vuoi compilare Hugo da solo, ti servirà [go], disponibile anche da Homebrew: brew install go.

Se vuoi compilare una versione specifica, vai a https://github.com/gohugoio/hugo/releases scarica il codice sorgente per la versione che preferisci. Se vuoi compilare Hugo con tutte le ultime modifiche (che potrebbero includere bug), clona il repository Hugo tramite Git:

Da Hugo 0.48, Hugo usa il supporto Go Modules incorporato in Go 1.11 per costruire. La cosa più semplice è clonare Hugo in una directory al di fuori di GOPATH, come nel seguente esempio:

mkdir $HOME/src
cd $HOME/src
git clone https://github.com/gohugoio/hugo.git
cd hugo
go install

Installazione su Windows

Per Windows, si consiglia di utilizzare il Subsystem Linux.

Se hai superato la sezione di installazione, ti sei imbattuto nella riga di comando. Su Mac e Linux si chiama “Terminale”, su Windows è “Prompt dei comandi” o “Powershell”. Non preoccuparti se non l’hai mai usato prima, non è così spaventoso come sembra. Invece di interagire con il tuo computer puntando e facendo clic sulle cose, lo fai digitando i comandi. Non c’è bisogno di imparare alcun comando in anticipo, basta seguire i comandi che ci sono nel corso!